MAX WEILER

22.04. – 02.07.2017

Max Weiler, Erba, 1972, Tempera su tela_Courtesy Galerie Elisabeth & Klaus Thoman Innsbruck/Vienna

Inaugurazione della mostra: 21.04.2017 alle ore 19

Durata della mostra: 22.04. – 02.07.2017

Orari d'apertura: ma – ve ore 15:00 – 18:00 & sa – do, festivi ore 10:00 – 12:00

Max Weiler, nato nel 1910 a Absam presso Hall in Tirol (Austria), deceduto nel 2001 a Vienna, viene considerato come il più importante rappresentante dell’arte austriaca della sua generazione. La sua pittura rappresenta un contributo autonomo all’arte moderna internazionale. Al centro della sua produzione si trova l’osservazione della natura. Lo storico dell’arte Gottfried Böhm individua come formula e fulcro delle sue opere “lo spirituale nella natura”: “Le immagini di Weiler trattano del sovrano potere della natura, in un modo sensuale e artistico.”

Dal 1964 fino al 1981 Weiler fu professore di pittura all’Accademia di Arti Figurative a Vienna. A partire dagli inizi degli anni novanta le sue opere vennero esposte e apprezzate in tutto il mondo, fra l’altro nel 1998 alla Galleria Nazionale di Pechino.

La mostra al Museo Civico di Brunico è dedicata alle opere realizzate dopo il 1945 e vuole offrire una visione generale della sua produzione artistica, tra cui i suoi cicli centrali quali “Quando tutte le cose…” (1960/61), “Come un paesaggio” (1961 – 1967) e “Paesaggi su fondo tonante” (1969 – 1973). Attraverso quadri, disegni e opere grafiche verranno infatti messe in risalto l’ampiezza e le sfaccettature delle sue opere dal 1948 fino alle opere tarde degli anni novanta.

Prestatore principale è la Galleria Elisabeth & Klaus Thoman/ Innsbruck. Curatore della mostra è lo storico dell’arte Günther Moschig.